0

Annalisa Scarrone e un 2018 straordinario

Annalisa si riconferma la grande protagonista dell’anno musicale appena trascorso. Nel 2018 ha collezionato certificazioni per ogni singolo estratto dal suo album “ Bye Bye”, anch’esso ORO per le vendite: da “Direzione la vita” a “Il mondo prima di te” (entrambi certificati Platino), per passare agli ultimi singoli di successo “ Bye Bye” (certificato Oro) e “Un domani” con Mr Rain (certificato Oro).  I  video dei singoli hanno raggiunto oltre 136 milioni di visualizzazioni, mentre l’album “Bye Bye”  ha totalizzato  oltre 58 milioni di streaming.

Annalisa Scarrone

Annalisa Scarrone

Inoltre Annalisa è l’unica donna ( insieme a Jovanotti, The Giornalisti, J-ax e Cremonini)  ad avere 3 singoli, “Bye Bye”, “Un Domani” e “Il Mondo prima di te”, nella top 100 dei brani più trasmessi dalle radio italiane (fonte Top 100 Airplay 2018 di Earone). Ad inizio novembre,  è stata nominata la vincitrice del  “Best Italian Act” dell’’edizione 2018 degli MtvEmas, i premi europei della musica che si sono tenuti a Bilbao. Un Doppio Disco di Platino, 5 Dischi Platino e 6 Dischi d’oro arricchiscono la sua carriera.

0

Benji e Fede al Forum di Assago: un show a misura di fan

Obiettivo Forum di Assago. E’ una delle prime sere veramente fredde di novembre. Già sulla metro, ho un primo sentore del tipo di pubblico che affollerà gli spalti per assistere alla data milanese del tour Siamo Solo Noise 2018.

Benji e Fede ad Assago

Benji e Fede ad Assago

di Federico Moia

Centinaia, migliaia di ragazze diciamo “teens”, molte accompagnate dai genitori, le più grandi da sole. Anche una volta entrato, il colpo d’occhio conferma la mia impressione: tre quarti abbondanti del Forum sono “in rosa”. Il che non sorprende visto che il duo che si esibirà questa sera miete consensi soprattutto (o esclusivamente?) tra le più giovani. Per chi non lo avesse ancora capito stiamo parlando di
Benji e Fede, al secolo Benjamin Mascolo (classe ’93) e Federico Rossi (classe ’94), entrambi di Modena. Il successo dei due continua imperterrito da vari anni e arriva a travolgere la venue milanese forte dell’uscita qualche mese fa del nuovo disco, l’omonimo al tour Siamo Solo Noise (di cui è uscita un’edizione limitata un paio di settimane fa), e del recente singolo Universale. Il concerto si apre proprio con un estratto dell’album, Buona Fortuna, che manda subito in estasi il pubblico, ribadisco prevalentemente femminile, del Forum. Le urla acute coprono quasi la voce di Fede -che a volte si fatica a sentire – e il parterre è una foresta di mani alzate. Benji alla chitarra accompagna il compagno alla voce, aiutandolo nei cori. Le loro canzoni sono orecchiabili e incoraggiano il sing-along che praticamente non smetterà mai durante le due ore di concerto. I due sul palco sono disinvolti. Questi due ragazzi acqua e sapone, dai ciuffi pettinatissimi e dagli occhi azzurri, scherzano tra loro e con il pubblico, in un turbine incessante di ammiccamenti, abbracci, “cinque” e occhiolini. Certo, le migliaia di ragazze accorse non aspettano altro, ma queste continue “captatio benevolentiae” sembranp davvero troppe e forse sono un po’ stucchevoli.

Ma il concerto prosegue e il duo di Modena sciorina tutti i suoi pezzi più famosi come Tutta di un fiato, New York e Da Grande. Con la successiva On Demand arriva anche il primo degli ospiti della serata, Shade, che non manca di pubblicizzare il nuovo disco in uscita proprio in questi giorni. Anche in questo caso viene proposto un siparietto che, nella sua prevedibilità, è comunque apprezzato dal pubblico. La scaletta procede con Prendimi per Mano, dal loro primo disco 20:05, risalente a tre anni fa, anche in questo caso accompagnata dalle luci dei cellulari e dagli urletti estasiati di tutte le ragazzine. Intanto sugli spalti, vari papà – che probabilmente non aspettano altro che trovare una scusa per prendersi una pausa – fanno avanti e indietro dal bar con birre e bottigliette d’acqua. Da segnalare anche molti altri genitori che –
come da copione – aspettavano le figlie fuori dai cancelli del Forum o addirittura in auto. Il concerto procede, toccando tutte le canzoni più amate di Benji e Fede, come Take Away, Traccia Numero 3, Una Foto e Glu Glu, culminando nel lancio di palloncini su Siamo Solo Noise. Dopo un paio d’ore, il concerto si conclude con Tutto Per Una Ragione, con l’ospitata di Annalisa alla quale viene regalata una felpa, Moscow
Mule e Universale.

Con un’ondata di tristezza, i beniamini della platea si ritirano nel backstage, insieme agli altri tre musicisti, lasciati nelle retrovie per quasi tutta la durata dello spettacolo. È tempo per la fiumana di ragazzine osannnanti di abbandonare il Forum. Lo spettacolo è portato a casa con successo, nonostante il Forum non fosse propriamente pienissimo. Va detto, in ogni caso, che i due sono consapevoli del pubblico che li segue e cercano di mantenere l’immagine dei bravi ragazzi a tutti i costi. Mai eccessivi nel linguaggio o negli atteggiamenti e pronti a ringraziare a più riprese il pubblico, che ha permesso loro di arrivare al successo. D’altra parte è questo il punto di forza di Benji e Fede: offrire uno spettacolo accattivante e divertente, a misura di fan diciamo, che però possa essere anche “a prova di genitore”. E in questo sicuramente hanno fatto centro. Certo, il tipo di musica, i testi e, in generale, il loro modo di stare sul palco (i famosi ammiccamenti già citati) li rendono digeribili quasi esclusivamente a una particolare fascia di pubblico. E quindi va bene così.

0

Renga, Nek, Pezzali, una boyband per ogni età all’Arena di Verona

Un concerto tra amici e fratelli quello che Nek (Filippo Neviani), Francesco Renga e Max Pezzali hanno portato all’Arena di Verona.

Nek, Renga e Pezzali all'Arena

Nek, Renga e Pezzali all’Arena

di Irene Venturi

Con un bresciano, un pavese e un sassolese il divertimento è assicurato. Max, Nek, Renga – Il Tour, dopo aver fatto tappa nei principali palasport italiani, ha debuttato a Verona alle 21.00 in punto. Si spengono le luci mentre compare a video il videoclip dell’ultimo singolo Duri da battere. Il palco, semplice e senza troppi effetti speciali, è lo stesso in cui ieri si è esibito Bob Dylan con la sola aggiunta di una passerella centrale. C’è una forte sintonia tra loro, si chiamano “Fil”, “Frà”, e questo si percepisce anche sul palco. I fan di Max cantano con la stessa intensità le canzoni di Renga e di Nek,  e viceversa. “Sono 35 anni che faccio questo mestiere e non ci sono riuscito”, dice Renga super acclamato da un pubblico anagraficamente trasversale che comprende ragazzine e mamme. “Sei bellissimo” è uno slogan ricorrente e Renga coglie l’occasione per mostrare ai compagni di viaggio quanto la quota rosa renghiana prevalga. Insieme i tre combattenti fanno 90 anni di carriera, definendosi così la prima “boy band per adulti”.

Nek, Renga e Pezzali all'Arena

Nek, Renga e Pezzali all’Arena

Viviamo 90 anni di carriera in un solo concerto che vede alternarsi i maggiori successi dei tre artisti, condivisi per oltre 2 ore di concerto. Non solo musica ma anche scambio di battute, l’egocentrismo del poliedrico chitarrista, bassista e cantante Nek, il timido Max che risponde ai 10/11 km fatti dai due frontman sul palco con meno di 4 km, e la loquacità irrefrenabile di Renga che “dopo The Voice ha perso la favella”, ma a lui si permette tutto. É un continuo assist tra amici che corrono dritti verso la porta. L’album Max Nek Renga-il disco, publicato da F&P Group e Warner Music contiene tutti i successi riproposti in Arena e la versione a tre voci di Strada facendo. Il legante del trio è sicuramente rappresentato da Max Pezzali, icona indiscussa del pop italiano. Non importa di chi tu sia fan, il repertorio di Max lo conosci a memoria. La critica l’ha a volte definito un “concerto karaoke”, sicuramente frutto di 30 successi (su 30)   diventati colonne sonore della vita di ognuno di noi. Mai avremmo pensato di dirlo… viva i Karaoke! Impossibile non alzarsi in piedi, commossi o danzanti, con Sei un mito, Angelo, Gli Anni, Sei solo tu, Hanno ucciso l’uomo ragno,  Almeno stavolta, Laura non c’è, Era una vita che ti stavo aspettando, Sei un mito, Come mai, Vivendo adesso.

Si è rivelata la serata perfetta per il gruppo di amiche e la loro serata in rosa, per la futura sposa che ha vinto un bacio da Filippo Neviani, per le coppie innamorate che si scambiano baci con la loro canzone d’amore. La maggior parte della scaletta vede l’intervento di tutti e tre i cantanti, altre vengono cantate in duo e altre li vedono da soli per dar vita ad un concerto dinamico, mai pesante, a tratti nostalgico (quanti di noi non si sono detti “sto invecchiando”?) e coinvolgente. Tre voci, tre mondi e tre presenze sul palco molto diverse accomunati da una carriera intramontabile, da carisma e da una passione per il palco e il proprio pubblico. Ad accompagnarli sul palco una band composta dai musicisti dei tre artisti: Fulvio Arnoldi (chitarra e tastiere), Stefano Brandoni (chitarra), Davide Ferrario (chitarra e tastiere), Luciano Galloni (batteria), Ernesto Ghezzi (tastiere), Chicco Gussoni (chitarra), Enzo Messina (tastiere), Lorenzo Poli (basso) e Dj Zak.

Prossime date
30 giugno al Collisioni Festival di Barolo-Cuneo
11 luglio alla Villa Manin di Codroipo – Udine
13 luglio al Moon & Stars Festival di LOCARNO
14 luglio al Lucca Summer Festival di Lucca
16 luglio alla Summer Arena di SOVERATO – Catanzaro