0

Da YouTube a Warner Music, Leonardo Decarli canta Non voglio l’estate

Una canzone fresca, divertente, estiva è il debutto nel mondo della musica della webstar della musica Leonardo Decarli che vede la partecipazione di Shade.

Leonardo Decarli

Leonardo Decarli

Non voglio l’estate è il titolo del suo primo singolo fuori oggi, venerdì 29 luglio e sarà accompagnato da un video, in uscita nei prossimi giorni,  girato da Davide Sondelli a Napoli con la partecipazione di Jody Cecchetto, il figlio di Claudio Nato a Civitavecchia nel 1990, Leonardo Decarli vanta 762 mila iscritti su youtube, 890 mila fans su facebook , 384 mila followers su twitter e i suoi video su youtube hanno raggiunto  quasi 2  milioni di visualizzazioni . Famoso per i suoi “stupidissimi video”, come ama definirli e per le “facce da castoro”, arriva alla musica per gioco  motivato fin da piccolo dal suo carattere vivace curioso, sempre attivo, estroverso e spigliato, amante dello sport, della danza, del cinema e della musica. La copertina del singolo è affidata al vignettista Gianpiero D’Alessandro, noto illustratore che ha realizzato opere per star mondiali e noto per levignettedigiampiero.

0

Arriva Bebe Rexha, la Re Mida della discografia

Ha 26 anni, è nata e cresciuta a NYC, ma di origini albanesi. Ha scritto e collaborato ai maggiori successi di questo periodo: David Guetta “Hey mama” (774M di views su YouTube), G-Eazy in “Me, myself and I” (178M di views su YT), Eminem “Monster” e “Team” di Iggy Azalea. Da piccola voleva essere una principessa. Quando è sul palco si trasforma nella sua alter-ego Moonshine, sfrontata e spregiudicata (l’esatto opposto di quando è giù dal palco). Bebe Rexha fa ora finalmente il suo esordio discografico con No Broken Hearts Feat Nicki Minaj Il singolo il cui video vanta oltre 86milioni di visualizzazioni anticipa l’album d’esordio.

Bebe Rexha

Bebe Rexha

Prodotta da The Invisible Man, team di produttori che vanta già una nomination ai Grammy (Iggy Azalea, Jessie J), No Broken Hearts è caratterizzata dalla voce cruda e potente di Bebe facendole guadagnare l’attenzione che si merita, non più come voce secondaria ma come vera e propria protagonista. Non è solo la sua voce a farsi notare, ma anche un suono che ha dei rimandi alle tante e importanti influenze musicali che hanno costruito il gusto di Bebe: Michael Jackson, Lauryn Hill, Tracy Chapman, The Cranberries e Kanye West. Influenze diverse che ben rappresentano il mix tra le sue origini e la sua formazione. Il suo stile vocale a cavallo fra il classico e il freestyle si unisce perfettamente alle immagini del video, che la vede sensualissima e biondissima andare in altalena tra i grattacieli o scatenarsi in un party a base di twerking. Il tutto impreziosito dal tocco di Nicki. No Broken Hearts negli Stati Uniti è già un successo conclamato, con oltre 86 milioni di visualizzazioni del video (clicca qui per vederlo) e 31 milioni di stream.

0

Il vero “bomber” della musica? Il pagante!

È uscita “Bomber”, la nuova canzone de Il Pagante, gruppo formato da Eddy Veerus, Roberta Branchini e Federica Napoli. Il giovanissimo trio racconta il fenomeno giovanile del “pagante” tra campi di calcio e imperdibili feste in discoteca. In pochissimo tempo Il Pagante si è imposto come un fenomeno web di grande successo riuscendo ad affermarsi anche nel campo musicale, ricordiamo il disco d’oro di “Vamonos”. Li abbiamo intervistati.

Il Pagante

Il Pagante

di Matteo Rossini

Partiamo da Jhonny Il Pagante. Com’è nato questo progetto e quando è avvenuto l’incontro con la musica?
Federica Napoli: Tutto nasce da una pagina Facebook chiamata “Il Pagante” in cui veniva raccontata la realtà di questo fenomeno giovanile. In seguito siamo arrivate io e Roberta trasformando questo progetto social in musicale, dal terzo singolo è subentrato Eddy.
Chi è il Pagante?
Roberta Branchini: Il termine “pagante” serve per indicare quei ragazzi che vanno in discoteca con gli amici ordinando bottiglie e prenotando tavoli nei privé, cioè i giovani che chiedono i soldi ai genitori per divertirsi e che si ritrovano al parco con gli amici. Il Pagante nasce per descrivere i comportamenti e gli atteggiamenti dei giovani milanesi, tuttavia girando l’Italia ci siamo resi cono che questo termine sintetizza benissimo tanti ragazzi dello stivale.
Negli anni il Pagante è cambiato?
R.: Per mia sorella, più grande di me, il pagante della sua adolescenza era il paninaro, la moda e lo stile sono cambiati, ma gli atteggiamenti sono rimasti gli stessi.
Come nasce il singolo “Bomber”?
Eddy Veerus: Fino ad oggi non avevamo mai parlato del calcio tra i giovani, così abbiamo deciso di aspettare gli Europei per sfruttare al meglio questa passione che coinvolge milioni di italiani e raccontarla attraverso la nostra musica.
Nel video c’è anche Pierluigi Pardo.
E.: Il nostro obiettivo era realizzare un video divertente ed estivo, così abbiamo pensato che il fulcro sarebbe dovuto essere una partita di beach soccer con sketch divertenti. Nei nostri video abbiamo fatto collaborazioni con altri personaggi, per questo ci sarebbe piaciuto avere Pierluigi Pardo, il conduttore televisivo di Tiki Taka, il programma calcistico più divertente del momento. Lui si è prestato a questa cosa e si è calato perfettamente nel ruolo.
Tre aggettivi per descrivere “Bomber”?
E.: Coinvolgente, fresco e attuale.
Il vostro pubblico si sta ampliando notevolmente
E: Ci fa molto piacere che sempre più spesso saltino fuori fan fuori quota perché significa che non sono solo i giovani trovano qualcosa di divertente e interessante ne Il Pagante.
Il vostro rapporto con i fan è lo stesso sia sui social che ai live?
F.: Il nostro rapporto è molto diretto sia quando andiamo nelle discoteche stando vicini al pubblico sia sui social rispondendo ai messaggi che riceviamo. Siamo molto attenti a quello che ci dicono e ci scrivono.
Qual è stato il momento di svolta de Il Pagante?
F.: Quando ci hanno iniziato a invitare nei locali fuori la Lombardia, ci siamo resi conto che la nostra musica stava iniziando a piacere.
C’è un singolo al quale siete più legati?
F.: Ognuno di noi ha una propria canzone preferita. Per quanto mi riguarda direi “Vamonos” con cui abbiamo ottenuto il primo disco d’oro e con cui abbiamo partecipato al Coca Cola Summer Festival.
Al momento siete al lavoro al vostro primo album.
E.: In questo momento stiamo terminando il nostro primo album che uscirà a settembre. Il disco conterrà una decina di brani, tra i quali i singoli giù usciti e altri pezzi inediti, siamo molto soddisfatti del lavoro.
Come sarà quest’album?
E.: All’interno del disco affronteremo diverse tematiche non trattate finora, quindi lo definirei un concept album. Speriamo che le gente possa apprezzarlo e trovarlo interessante come è accaduto per i singoli precedenti.