0

Meravigliosamente Patty, 40 anni di pazze idee

Patty Pravo (foto di Angelo Trani)

Il 30 aprile del 1973 la pazza idea è diventata un fenomeno collettivo. Un delirio quotidiano. Una voglia da togliersi. Grazie a Nicoletta Strambelli, in arte Patty Pravo. Aveva 25 anni, è nata a Venezia il 9 aprile e dunque per lei questo mese è speciale. Soprattutto in questo 2013: compie 65 anni, esce con un best of da lei scelto con 46 canzone e il 30 arile sono i quattro decenni di “Pazza idea”, suo album di immense suggestioni. Note Spillate la ha intervistata, alla vigilia di questo filotto.

Un mese di grandi feste.
Le concomitanze sono tante ma io non amo festeggiare.
Partiamo dal best of.
E’ il primo che curo io e dunque ci ho messo quello che volevo, comprese canzoni poco conosciute.
Chissà che scrematura.
Avessi avuto spazio illimitato direi che 80 sarebbe stato il numero minimo.
Molte le conosciamo ma alcune sono misteriose per molti: ne cita un paio?
Intanto “Storia di una Donna che ha Amato Due Volte un Uomo che non Sapeva Amare”  un brano che io adoro e dura nove minuti. Poi “La luna”, per la prima volta su album, prima solo su i-tunes.
Poi c’è l’inedito “‘Na canzone”.
Il napoletano per me è una lingua. E io la adoro.
Tour?
Ho un contratto lungo con Live Nation: debutto il 9 giugno a Milano. Poi vado negli Stati Uniti. Ci ho vissuto parecchio, ho tanti amici e ho ancora casa a San Francisco.
Lei ha conosciuto Ezra Pound.
A Venezia, da ragazzina. Facevamo lunghe passeggiate con lui e sua moglie e mi offriva il gelato.

Un primo piano di Patty Pravo

E’ sempre la ragazza del Piper…
Certo. E con orgoglio. Anche se da ragazzina lo trovavo un po’ limitante.
C’è qualche sua canzone che la ha stufata?
Per un periodo ho trovato vecchia “Pensiero stupendo” ma poi è rinata.
Possiamo farle almeno gli auguri?
Va bene, ma senza enfatizzare.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a Sky TG24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *