0

Dj Jad e Ciccio Pasticcio. Gli Usb sull’astronave dell’amore

DJ Jad e Ciccio Pasticcio

Cambia nome Dj Jad, ma non perde la voglia di trasmettere il suo amore per il funky, per l’hip-hop e per quelle sonorità che hanno fatto ballare un’intera generazione. A vent’anni dalla nascita degli Articolo 31, Dj Jad torna col suo nuovo progetto, gli Usb “Udite Suoni Buoni” assieme al rapper napoletano Ciccio Pasticcio. Il loro album d’esordio si intitola “L’Astronave” e Note Spillate li ha intervistati per per farselo raccontare da loro.

Dj Jad e Ciccio Pasticcio, in arte gli USB “Udite Suoni Buoni”. Come nasce questo duo?
Dj Jad: Innanzitutto da una mia esigenza di trasmettere musica alla gente che mi ha sempre seguito, anche nei miei progetti dopo gli articolo 31. In questi tempi ho maturato altre cose, e questo è l’inizio del mio cammino. Un nuovo inizio con Ciccio Pasticcio.
“Ora che” è un brano allegro e semplice, mentre “Tempo imperfetto” è più impegnato, un occhio analitico sulla vita di oggi. Come nascono i vostri testi?
Dj Jad: “Ora che” è molto solare, un pezzo dichiaratamente estivo, fa pensare alle giornate che si allungano, alle vacanze, dando un messaggio di positività .Ti porta con la mente all’estate, alla spensieratezza dei nuovi incontri, delle storie d’amore estive. “Tempo imperfetto” parla di tutti noi, di come affrontiamo la vita all’interno di una società che corre e noi insieme a lei.

Ciccio Pasticcio: Musicalmente i nostri brani nascono da Dj Jad, lui li anima con le basi, io metto in rima la realtà, quello che ci circonda e ci rappresenta. Non c’è un concetto al quale ci si aggrappa, le mie rime vengono fuori dalle sensazioni che mi suggeriscono le basi di Jad. C’è divertimento, allegria, ma anche la realtà quotidiana.

Si dice che chi fa musica abbia una missione, qual’ è la vostra?

Dj Jad:La missione non è nostra, ma della musica in generale. La musica è espressione totale dei sentimenti che si provano, e si spera di arrivare alle persone, alle loro anime. Noi vogliamo trasmettere un messaggio genuino e positivo mantenendo la nostra identità e la positività dell’hip-hop.

Poi c’è il brano con Alan Sorrenti, “
Dipende da te”.
Dj Jad: Il video è ispirato a “Soul Train”, un programma degli anni 70. Amo il funky, ti da energia e spensieratezza, è questa l’idea di fondo del video e della canzone, trasmettere positività.

Dj Jad è ancora il “tamarro di periferia”?

Dj Jad: Il tamarro è sempre in voga, tutti noi abbiamo la “tamarraggine” dentro, e questo è un buon modo per farla venire fuori.

“L’astronave” è il nome del vostro primo album. Dove volete che vi porti?

Dj Jad: La nostra astronave vuole compiere un lungo viaggio e portare allegria alla gente. Non cerca necessariamente il successo, vuole portare quella positività che manca in questo momento,quell’ equilibrio che si è perso. Ci sono dei valori che vorremmo far ritrovare, portando ovunque questo messaggio di serenità e spensieratezza. La vita, tutto è diventato molto veloce, le cose non hanno il tempo ed il modo di restare, noi vogliamo dare emozioni alla gente. E spargere amore.

(Intervista di Irene Zambigli)

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a Sky TG24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *